Menu Chiudi

Pesci: Il pesce Pilota

pesce pilota neucrates ductorL’articolo di oggi riguardante la categoria dei pesci è dedicato al pesce Pilota.
Buona lettura.


Il suo nome scentifico è “Naucrates Ductor”, appartiene alla famiglia “carangidae” e quasi in tutta Italia viene comunemente chiamato pesce Pilota.

Il suo corpo è allungato, quasi fusiforme e compresso.
Il muso è smussato, ha un profilo arrotondato e la bocca è piccola con denti villiformi.
Le pinne dorsali hanno26/28 raggi, le prime spine sono basse, molto poco sviluppate e non collegate da membrane, tranne che in età giovanile.

Il peduncolo caudale possiede carenature carnose, la pinna caudale è molto bifida mentre la pinna anale possiede 16/17 raggi.
Generalmente ha una colorazione bluastra sul dorso, mentre i fianchi e il ventre sono piu chiari, di colore bianco/grigio.
I fianchi hanno le classiche bande trasversali scure, tipiche del pesce Pilota, generalmente queste bande sono  da 5 a 7.
La pinna caudale è scura con apici bianchi, le pinne pettorali e ventrali sono giallastre e talvolta nere.
La linea laterale è ondulata e le scaglie sono piccole.
Il pesce Pilota è diffuso in tutti i mari temperati e tropicali, generalmente in Italia è maggiormente e facilmente catturabile nel periodo che va da Agosto inoltrato fino  metà Dicembre, anche se si sono registrate catture al di fuori di questo periodo.

Gli esemplari più giovani è possibile avvistarli sotto oggetto galleggianti,  e meduse con le quali convivono molto bene, mentre gli esemplari adulti in genere cercano la comgnia degli squali.
L’unicas specie di pesce che si ciba dei pesci Pilota è la Lampuga.


Fonte: “Il grande libro della pesca”
Simone Aprile

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.