Menu Chiudi

Interviste: Justin Deguara

image (1)
Nell’articolo di oggi dedicato alle interviste, facciamo quattro chiacchere con Justin Deguara, un pescatore con una grande passione e bravura per questa tecnica.
SCROLL DOWN FOR ENGLISH VERSION


Ciao, parlaci un po di te…

Ciao, il mio nome è Justin Deguara, sono della piccola isola di Malta, nel mezzo del Mediterraneo. La pesca è sempre stato il mio hobby preferito sin da quando ero molto giovane, ma è diventato davvero una passione quando ho iniziato a sperimentare con esche artificiali. Come molti pescatori, ho iniziato con lo spinning, ma presto mi sono innamorato di esche metalliche, cucchiaini e jig.


Da quanto pratichi la tecnica dello Shore Jigging? E come hai iniziato?

Fin dall’inizio della mia avventura con lo Spinning ho avuto sempre più esche metalliche anzichè esche di plastica nelle mie cassette. ricordo gli Halco Twisty, Yamashita Maria Mucho Luchir,  e il Williamson Gyro con ancoretta in coda.
Mi piaceva sperimentare con le esche metalliche con recuperi a diverse velocità e variando con le jerkate, e ho avuto buoni risultati, piccole ricciole, palamite, alletterati…
Una volta ho avuto uno strike di una Ricciola con attrezzatura da Spinning medio e sfortunatamente l’attrezzatura non  ha resistito.
La Ricciola è un pesce che va subito verso le rocce per tagliare la treccia e da li ho iniziato a chiedermi come potevo migliorare.
Poi sono venuto a conoscenza del termine Shore Jigging e  allora ho iniziato a cercare online le attrezzature da utilizzare e i video su come mettere in pratica questa tecnica.
Anche l’utilizzo degli Assist Hook era totalmente nuovo per me.
Ora pesco seriamente a Shore Jigging da 2012 e lo ammetto, ne sono ossessionato.


Che attrezzatura utilizzi solitamente?

Ho iniziato con una canna entry level la Majorcraft Solpara SPS-1002H (fino a 80gr), si tratta di una canna conveniente, e la qualità è ottima.
in quel periodo ho unasto uno Shimano Stradic 8000 FI, ma lo Stradic era un po troppo veloce per tale tecnica a parer mio, quindi decisi di utilizzare un mulinello più lento.  Meno velocità e più potenza, e presi lo Shimano Biomaster 8000 SW PG. Dopo due anni con la solpara decisi di comprare una canna nuova,  la  APIA Foojin’ Blackline BFX-99H (up to 100gr). Ora uso la Apia Blackline e Biomaster 8000 in punti profondi con costa alta e con molta corrente, e la Major Craft Solpara conil Biomaster SW 5000PG per jig da 40-60gr e predatori di medie dimensioni.


10578932_10152642555415272_1222350069_n


Il tuo jig preferito?

Onestamente, non ho un jig preferito,e ne cambio veramente tanti, mi piace sperimentare i nuovi jig presenti sul mercato. La mia azione preferita è quella ricavata da jig esili e lunghi, con il quale ho avuto risultati molto positivi. Gli M&W Tissot e Ghost Jig, e la Tsuribi Fountain P sono i jig con cui non posso stare senza. Il Jackall Jigdou, IMA Gunpeki, Maria Saberer e Evergreen Javeline Jet mi ha dato buoni risultati pure. Ultimamente sto sperimentando molto con il DUO Press Bait Fusion e la FCL Labo.


Che pesce preferisci insidiare?

E ‘in base alla stagione. Le lampughe sono uno dei pesci più belli da catturare, sono pesci molto forti e sono spettacolari durante il combattimento. Palamite e alletterati sono dei bei combattenti e mi piace pomparli con la canna. Tuttavia, il picco più alto di adrenalina me lo danno le ricciole. loro sono il mio vero obiettivo nello Shore Jigging e sono pesci che metteranno a dura prova le canne e i mulinelli da shore
jigging.


10579786_10152638595650272_1461244248_n


Raccontaci della cattura che più ti ha dato soddisfazione e che ti è piaciuta di più…

Come ho spiegato in precedenza, il mio obiettivo è la ricciola e ognuna ho catturato ha una storia a sé e una grande sensazione di soddisfazione. La prima ricciola che ho preso (7kg) è difficile da dimenticare. E ‘stato il primo successo con la con questo pesce. Mi ricordo la potenza del pesce che era ottima, per la prima volta, utilizzando attrezzature specifiche da Shore jigging, sentivo tutto sotto controllo. Vedere la testa del pesce emersa fra la schiuma di mare e le onde era una sensazione fantastica che non dimenticherò mai. E tenendolo in braccio era immensa soddisfazione che provavo!. Questa estate ho preso un’altra bella ricciola (9.3kg), un’altra bella storia da raccontare, e la mpiu grande che ho preso finora.


Nella tecnica dello Shore Jigging, vengono sempre più usati oltre ai casting jig, cucchiaini, arpoon, kabura e inchiku.  Sei favorevole o sei più un purista e tendi solo ed esclusivamente ad utilizzare casting jig?

Mi piace sperimentare così vario tra jig, cucchiaini e inchiku, però tendo a preferire l’utilizzo dei casting jig. Ogni jig ha la propria azione e mi piace molto vedere come ognuno risponde all’azione della canna e alla velocità di recupero.


10695232_10152638597225272_702284581_n


Come vedi il futuro dello Shore Jigging?

It’s survival of the fittest… hehe. Coloro che insistono saranno ricompensati. A differenza light rock fishing che è fine come la musica classica, lo Shore Jigging è più faticoso e hardcore come la musica rock. Questa tecnica ti coinvolge anche in lunghe passeggiate in luoghi spesso pericolosi, con il risultato che si ottengono anche più cappotti di chi pratica spinning nei porti. Non è una tecnica per coloro che si aspettano di catturare i pesci spesso, o che pretendono che saranno premiati sempre per i duri sacrifici fatti. Per questo motivo penso che un molti inizieranno a pescare a Shore Jigging per poi smettere molto presto. Non mi dispiace la cattura del pesce meno, ma l’avventura, la tecnica in sé, e la sensazione di potenza della canna e mulinello mentre riva jigging sono abbastanza per farmi felice.
Non mi dispiace la cattura del pesce più piccolo, ma l’avventura, la tecnica in se, l’avventura, e la potenza della canna e del mulinello dello Shore Jigging sono abbastanza per rendermi felice.


image


Cosa consigli a chi si sta avvicinando alla tecnica dello Shore Jigging?

Il mio consiglio è di informarvi prima di acquistare l’apparecchiatura. Purtroppo, vedo un sacco di persone che utilizzano canne e mulinelli non adatti a tale tecnica. Avere una robusta canna da spinning o da popping non è sufficiente. Non è un hobby poco costoso, ma almeno potete spendere il vostro denaro con saggezza. Ognuno fa gli errori. Io stesso ho speso molti soldi solo per sperimentare e vedere cosa è meglio per me. Tuttavia, non riesco a capire perché molti preferiscono acquistare una costosa canna da spinning pesante quando le canne specifiche hanno prezzi anche più convenienti.


Vuoi aggiungere qualcosa?

Nonostante la pesca eccessiva e la riduzione del pesce nel Mediterraneo,lo Shore Jigging a volte ti premia ancora con alcune catture incredibili. Ed è ciò che auguro a tutti coloro che hanno a cuore questa. La persistenza è la chiave del successo.


image (1)


ENGLISH VERSION


Let’s go to Malta for the next article, here is the interview with Justin Deguara. Good reading !!! 🙂


Hello, tell us a little about you …

Hello, my name is Justin Deguara, from the small island of Malta in the middle of the Mediterranean.  Fishing was always my favourite hobby since I was very young, however it really became a passion when I started experimenting with artificial lures.  As many anglers, I started with spinning, but I soon fell in love with the use of metal lures, spoons and jigs.


From what you practice the technique of Shore Jigging? And how did you start?

Even from the start of my spinning adventure I had more metal lures than minnows in my lure box.  I remember casting the likes of Halco Twisty, Maria Mucho Lucir and Williamson Gyro with treble hook at the back.  I liked experimenting with metal lures with different retrieve speeds and jerks.  I had very positive results …small amberjacks, blue runners, bonitos and false albacore.  But once I had a strike of a nice amberjack on the medium spinning equipment I used, and unfortunately the equipment didn’t resist the fish.  It’s a fish which immediately goes straight towards rock to cut the line.  From there I started asking of how can I improve.  I came to know the term “Shore Jigging”, and from there I started searching online for the equipment to use and watching videos of how to practice this nice technique.  Even the concept of using an assist hook was totally new for me.  Now I am seriously shore jigging from the autumn of 2012, and I admit, I am obsessed with it!


What equipment do you usually use?

I started with the entry level rod Majorcraft Solpara SPS-1002H (up to 80gr).  It is a very affordable rod, and the quality is great.  Those days I used a Shimano Stradic 8000FI.  The Stradic however was a bit too fast for my tastes for the technique, so I decide to go for a slower reel…less speed but more torque, more power – the Shimano Biomaster SW 8000PG.  And after two years of Solpara, this year I decided to get a new rod – the APIA Foojin’ Blackline BFX-99H (up to 100gr).  Now I use the Apia Blackline and Biomaster 8000 in deep spots with high coast and lots of currents, and the Majorcraft Solpara with a Biomaster SW 5000PG for 40-60gr jigs and medium sized predators.


10578932_10152642555415272_1222350069_n


Your favorite jig?

Honestly, I do not have a favourite jig since I really change a lot, and like to experiment with new jigs on the market.  My favourite action of jigs is the long slender type of jig, with which I had very positive results.  The M&W Tissot and Ghost jigs, and the Tsuribi Fountain P are the jigs I can’t stay without.  The Jackall Jigdou, IMA Gunpeki, Maria Saberer and Evergreen Javeline Jet gave me good results as well. Lately, I am experiment a lot with the DUO Press Bait Fusion and the FCL Labo.


What fish prefer to undermine?

It’s according to the season.  Dorados are one of the nicest fish to catch – they give you a strong fight and they are spectacular during the fight.  Bonitos and false albacore give you a nice fight and give me a nice feeling on the rod while pumping up.  However, my adrenaline peaks the most for amberjacks.  They are my true target in shore jigging and give you the ultimate fight to really test your shore jigging rod and reel.


10579786_10152638595650272_1461244248_nTell us about the catch that gave you the most satisfaction and that you enjoyed it more …

As I explained above, my target is the amberjack and each one I caught has a story in its own and a great feeling of satisfaction.  The first amberjack I caught (7kg) is hard to forget.  It was the first success with amberjack.  I remember the power of the fish was great but for the first time, using shore jigging equipment, I felt I was in control.  Seeing the head of the fish surfacing among the sea foam and waves was a great feeling I will never forget.  And holding it was immense satisfaction!.   This summer I caught another nice amberjack (9.3kg), another nice story to tell, and the best I have caught so far.


In the technique of Shore Jigging, are increasingly being used in addition to casting jigs, spoons, Arpoon, kabura and inchiku. Do you support or are you more of a purist and tend to be used only and exclusively casting jig?

I like to experiment so I sometimes vary between casting jigs, spoons and inchiku, however I tend to prefer using casting jigs.  Each jig has its own action and I really like to see how each one responds to rod action and speed.


10695232_10152638597225272_702284581_n


How do you see the future of the Shore Jigging?

It’s survival of the fittest..hehe.  Those that insist will be rewarded.  Unlike spinning and light rock fishing which is more finesse like classical music, shore jigging is more strenuous and hardcore like rock music.  It also involves long walks in often dangerous places, with the result that you even get more cappotti than if you practice spinning in the ports.  It’s not a technique for those that expect to catch fish often, or who pretend they will be rewarded always for the hard sacrifices. For this reason I think a lot will start shore jigging and end soon after.  I don’t mind catching less fish, but the adventure, the technique itself, and the feel of power of the rod and reel while shore jigging are enough to make me happy.


image


What’s your advice to those who are approaching the technique of Shore Jigging?

My advice is to do a good homework before buying the equipment.  Unfortunately, I see a lot of people using rods and reels not suitable for the job.  Having a very strong spinning or popping rod is not enough.  It’s not a cheap hobby, but at least you can spend your money wisely.  Everyone makes mistakes.  I myself have spent a lot just to experiment and see what’s best for me.  However, I can’t see why you have to buy an expensive heavy spinning rod when certain true shore jigging rods are even cheaper.


Want to add something?

Despite overfishing and the reduced fish stock in the Mediterranean, shore jigging still rewards you with some amazing catches sometimes.  And I wish all those who have this technique at heart to experience the unbelievable.  Persistence is a key to success.


Posted in Interviste, Shore Jigging Italia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.