Menu Chiudi

Interviste: Markos Vidalis

559931_10200458376917811_1560708641_n

Per il terzo articolo dedicato alle interviste troviamo un altro pescatore Greco, molto noto nel panorama mondiale dello Shore Jigging grazie ai suoi bellissimi video, e alle sue fantastiche catture catture.
Ecco l’intervista a Markos Vidalis.
Buona lettura… 🙂
SCROLL DOWN FOR ENGLISH VERSION


Ciao, parlaci un po di te…

Ciao pescatori. Sono Markos Vidalis dalla Grecia! Sono un pro angler, redattore capo e scrittore di articoli in 2 riviste di pesca, field tester e pro staff pro per due marchi giapponesi , le canne Zenaq e le esche DUO. Io sono solo un semplice pescatore, ma pazzo per la pesca. Io sto ancora imparando e sono sicuro che non smetterò mai, visto che ogni volta credo di sapere bene qualcosa, succede qualcosa che dimostra il contrario. Dopo ogni cattura mi prendo il tempo per pensare e capire perché si verifica e non ho mai fatto affidamento sulla fortuna. Fidati di me ci sono sempre ragioni per cui accade qualcosa e, talvolta sono nascoste. Purtroppo la gente crede che la Grecia sia piena di pesci e talvolta credono che sia il posto e non le mie capacità a fare la differenza. Ma quando alcuni di loro vengono a visitare la Grecia per vivere il sogno, scoprono la verità nella maniera peggiore! I pesci sono ovunque, hanno solo bisogno di tempo, l’esperimento e la comprensione di essere ingannati!


Da quanto pratichi la tecnica dello Shore Jigging? E come hai iniziato?


Be, lo Shore Jigging ha catturato la mia attenzione circa sei anni fa, guardando video provenienti da Taiwan, Giappone e Asia in generale. So bene che la maggior parte dei pescatori che guardano video come questi dicono: “anche questo deve essere efficace solo nelle loro acque”.  All’inizio è stato un momento molto difficile per praticarla, dato che non c’erano canne da Shore Jigging e si trovavano solo jig da minimo 150 grammi. Con una buona ricerca e l’utilizzo di canne inappropriate sono riuscito ad ottenere alcune grandi Palamite e Barracuda. Poi ho scoperto che le canne da Popping avevano quasi le stesse caratteristiche di una canna da Shore Jigging e ho potuto constatare la reale potenzialità di questa tecnica. Dopo questo ho finalmente acquistato la mia prima canna da Shore Jigging “puro sangue” e quindi il gioco davvero cominciato. Dopo ho impiegato un po di tempo per capire che dimenzioni degli assist hook utilizzare, quali dimenzioni , che trecciati e che finali. Ora so cosa usare, come usare, quando e per quale destinazione!


1009_10200458377517826_9287321_n


Che attrezzatura utilizzi solitamente?


 Beh, sono passato da tutte le categorie di attrezzature fino ad arrivare ora a  canne e mulinelli di fascia alta. Vario l’attrezzatura, per il light shore jigging  uso una canna Zenaq Defi Muthos 93 con il Daiwa Saltiga 3500 o 4000 per  insidiare palamite, bluefish, ecc. Questo mostro di canna un giorno mi ha  permesso di catturare un dentice di quasi 9 chili con relativa facilità e mi  ha dimostrato che non è un giocattolo. Per obiettivi medi utilizzo la Zenaq  Defi Muthos 96 Mid Game Power con il Daiwa saltiga 4500 o lo Shimano  Stella 5000 SW. Per la pesca difficile in fondali rocciosi duri e pesci di  taglia uso ila Zenaq Defi muthos 96HH che è una canna dura e molto  potente, la utilizzo con  il nuovo Shimano Stella 6000 SW o il Daiwa Saltiga  4500. Finalmente ho anche la Zenaq Defi muthos 100HHH GT con il Daiwa  Saltiga 5000 per pesci di grande taglia, la uso molto raramente nelle  occasioni di grandi tonni e grandi ricciole. Queste bene o male sono le  attrezzature che uso in base agli spot e alle condizioni meteo di dove  decido di pescare.


 Il tuo jig preferito?


 Non ho un jig preferito. Tutti i jig hanno un loro utilizzo, le loro  condizioni  e i loro obiettivi.  Non tutti i jig lavorano alla stessa maniera,  cercate di  capire i vostri jig. Non limitatevi a  comprare e ad andare a  pescare, andate  in un posto con acqua pulita e cercate di capire il  loro  movimento e il loro  utilizzo. Non innamoratevi del primo jig che vi  regala una cattura,  ma date possibilitò a tutti i vostri jig.


9290_4548382503467_534041256_n


Che pesce preferisci insidiare?


 Dentice. Lui è molto difficile da ingannare ed è molto intelligente. questo pesce è la mia vera  ossessione, devi esplorare l’intero fondale, utilizzare il jig molto vicino al fondale con tutti i  rischi che comporta, e fare dei movimenti molto fini per cercare lo strike. Questo è un pesce  molto tecnico che non attacca con qualunque movimento o con qualsiasi jig.


 Raccontaci della cattura che più ti ha dato soddisfazione e che ti è piaciuta di  più…


 Beh, è la cattura di cui parlavo. Un dentice di 8, 650 kg che ho catturato con attrezzatura  leggera. In realtà stavo pescando palamite e ho pensato che avrei dovuto pescare sul fondo per provare ad insidiare anche qualche piccolo dentice. Così ho usato un jig da 50 gr, 0,43 millimetri FC leader, 0,16 millimetri treccia e la Zenaq Defi muthos 93 outrange (20-60 peso dichiarato) con il Saltiga 3500. Il mostro si è agganciato all’amo. Inizialmente pensavo fosse una ricciola, correva come se fosse indiavolata. Poi ho sentito le rocce , stavo sfregando sulle rocce. L’ho fermato ed ho aperto l’archetto, quando ha iniziato a muoversi ho chiuso l’archetto ed ho provato a portarlo fuori dalle rocce… c’ero riuscito ma ne ha trovata subito un altra, ho rifatto la stessa cosa un altra volta e finalmente son riuscito a prenderlo, con molta cautela.Quandoè arrivato in superfice non riuscivo a credere alle sue dimensioni. Potete vedere il video su Youtube nel mio canale. Lo stesso giornocatturato un altro dentice da 3.100 e un piccolo false albacore tuna.


546971_10200104412348918_154511651_n


Nella tecnica dello Shore Jigging, vengono sempre più usati oltre ai casting jig, cucchiaini, arpoon, kabura e inchiku. Sei favorevole o sei più un purista e tendi solo ed esclusivamente ad utilizzare casting jig?

Ahahahahahahahah io un purista?  Sono il volto della sperimentazione. certo che uso i kabura ma devo ammettere che gli inchiku danno maggiorni risultati da terra rispetto ai kabura. Ripeto qui, che si deve sperimentare sempre con tutti i jig ed esche simili.


 Come vedi il futuro dello Shore Jigging?


 Mmm… Per me è una tecnica di pesca a cui non potrò  mai rinunciare, ma è una tecnica molto impegnativa.  Per farla bene si devono investire dei soldi per avere  una buona attrezzatura, un set di jig validi che possono  essere perduti con molta facilità. Imparare bene a  legare la treccia con il finale e poi con il solid ring.  Studiare molto bene i jig con cui vuoi pescare,  altrimenti dovrai soltanto fare affidamento sulla fortuna  per poter catturare un pesce. In più c’è la necessità di  pescare in spot molto difficili, spot che per raggiungerli  necessitano di un ora o più di camminata su rocce o  terreni sconnessi. Molta gente penza che basterà andare  al porto per ottenere il pesce della loro vita, sbagliato!!!  Se non inizi a muovere il culo non vedrete realizzare il  vostro sogno. Quindi la mia risposta è che lo shore  jigging andrà avanti con poche persone, molti iniziano  ma poi mollano perchè è troppo dura come tecnica, non è semplice passare tutta la giornata a sbacchettare i jig, e soprattutto non si cattura ad ogni lancio come molti pensano.


538363_3662000224464_55543043_n


Cosa consigli a chi si sta avvicinando alla tecnica dello Shore Jigging?


Consiglio a tutti voi, prima di acquistare l’attrezzatura, di chiedervi se avete le palle per per questa tecnica, di essere sicuri, e siete dei testardi per tenere testa a questa tecnica e andare avanti. La fortuna ti regalerà un pesce o due, se invece vuoi pescare dei bei pesci allora pesca duramente, costantemente e accetta i fallimenti (cappotti).
Se volete comunicare con me potete utilizzare la mia pagina Facebook Markos Vidalis International e se volete vedere i miei video iscrivetevi al mio canale Youtube Markos Vidalis.
Grazie per aver letto l’intervista, cordiali saluti.



ENGLISH VERSION



For the third article there is another Greek fisherman, well known on the world of the Shore Jigging thanks to its beautiful video, and its catches. Enjoy reading the interview of Markos Vidalis.


Hello, tell us a little about you …


Hallo Fellow Anglers. I’m Markos Vidalis from Greece! I’m a Pro Angler, editor in chief and article writer in 2 fishing magazines and field tester – pro staff for two Japanese brands, Zenaq rods and DUO Lures. I’m just an angler but crazy about fishing. Im still learning and I’m sure I will never stop since every time i believe i know something well, something happens and it turns the up side down. After every catch I take time to think and understand why it occurs and i never rely on luck. Trust me there are always reasons and sometimes hidden. Unfortunately people believe that Greece is full of fish and sometimes they believe that it is the place and not my skills. But when some of them visit Greece to live the dream, they find out the truth with the worst way! Fish are everywhere, they just need time, experiment and understanding to be tricked!


From what you practice the technique of Shore Jigging? And how did you start?


Well Shore jigging catch my attention before 6 years where it happened to watch some Taiwan, Japanese and Asian in general videos of this strange technique. Well I know that most of the anglers that watch videos like this they just say that “well this must be effective only in their waters”. I Don’t and got obsessed to try out in my waters. At start had a very hard time to practice it since there where here no shore jigging rods and the smallest jig weighted 150gr. with good searching and using inappropriate rods I managed to get some big bonitos and Cudas. Then I find out a popping rod that had almost same characteristics with shore jigging and I had the opportunity to see how effective it can be. After this I finally acquired my first “pure blood” shore jigging rod and then the game really began. After this I gave great time to learn jig buoyancy and use and attach with assist hook and sizes of PE and leaders. Now I know what to use, how to use, when, and for what target!


1009_10200458377517826_9287321_n


What equipment do you usually use?

Well I passed from all the money categories of equipment and I finally end up with the high end reels and rods. I now use depending the game, as light shore jigging rod the Zenaq Defi Muthos 93 Outrange for ultimate game with small AJ’s, tunnies, bonitos, bluefish and more. This light “monster” one day give me a high score dentex about 9 kilos with ease and showed me that it is not for fooling around. This I combine it with the saltiga 3500 or 4000. For everyday use, I work with the Zenaq Defi Muthos 96 mid game power that is ideal for every target, light, and easy to use with most jigs. This I combine it with the saltiga 4000 or stella 5000. For harder fishing in tough rocky bottoms and stronger fish I use the Zenaq Defi Muthos 96HH that is a hard and powerful rod. I combine it with the new stella 6000 or the saltiga 4500. Finally I have also the Zenaq Defi muthos 100HHH GT for monster fish that I use very rare and in the occasions of big tunas and great amberjacks that I combine it with Saltiga 5000. This is more or less my choices depending the target, the conditions and the spot I intend to fish.


Your favorite jig?


I have no Favorite jig. All jigs have their way of use and conditions and targets. All Jigs DON’T work in the same way. Learn your jig. Don’t  just buy it and go fishing. Go to a place with clear waters and try to understand its use. DON’T fall in love with the first jig that gave you a catch. This is a big trap that will misguide you! Give chances to all of your jigs and you will remember me.


9290_4548382503467_534041256_n


What fish prefer to undermine?


Dentex! The clever and hard to trick snapper fish.  It is my obsession because you need to explore the entire bottom, use your jigs very close to it with the additional risk, and use very fine movements to make it strike. It needs a very technical fish and wont attack to any jig with any move.


Tell us about the catch that gave you the most satisfaction and that you enjoyed it more …


Well it is the catch I already said about. An 8.650 dentex that attacked on very light tackle. Actually I was fishing bonitos and I said I should try to fish also close to bottom for a small snapper. So I used a 50gr jig, 0.43mm FC leader, 0.16mm braid and the Zenaq Defi muthos 93 outrange (20-60 lure weight) with the saltiga 3500. The monster strike and hooked. In start I thought I had an amberjack because it was running like hell. Then I try to stop it but I felt the rocks that it was rubbing. I stopped and open the bail. When the fish start to move on I closed it and try to take it out of the rocks. It did but soon finds another rock to stay aside. Again I did the same trick and when finally moved I fished it harder but always careful. When it comes to the surface I could not believe its size. You can see the video on Youtube in my channel. The same day I got another one 3.100 and a small false albacore tuna.


546971_10200104412348918_154511651_n


In the technique of Shore Jigging, are increasingly being used in addition to casting jigs, spoons, Arpoon, kabura and inchiku. Do you support or are you more of a purist and tend to be used only and exclusively casting jig?

hahahhaha me a purist! I’m the face of experimentation! Of course I use kaburas but I have to admit that inchiku works a little better than kaburas from shore. I repeat here that you must experiment always with all given jigs and the likes.


How do you see the future of the Shore Jigging?


Hmmm. For me is a loved fishing technique that I will never give up. But it is a very demanding technique also. In order to do it right you must spend money to get a decent shore jigging set and of course jigs that tend to get lost easily. You must become an expert of tying braid to line and solid rings. Then you must study the jig buoyancy or you will always rely on luck in order to get a fish. And then there is also the need to approach difficult spots. Spots like walking an hour or more though bushes or on rocks to reach. Most think that they will go on a port and get the fish of their life’s. Wrong!  If you won’t move your ass you won’t get your dream. So my answer to the question is that Shore jigging will go on with the few. Because here many start and then reject it because it is too hard (hitting a jig all day is not something easy,) and because they think that every cast hides an amberjack…


538363_3662000224464_55543043_n


What’s your advice to those who are approaching the technique of Shore Jigging?


I advise everyone of you,  before you buy your things, ask yourself if you have the balls for this technique, and be sure if you are stubborn and hot headed enough to keep on with it! For sure through my experience to this technique luck is not enough and will only pay you ones or twice. Want to give a constant hug to great fish? Fish hard and accept the fails! For further communication with me feel free to join my page in Facebook Markos Vidalis International , and if you want more just subscribe my Youtube channel where you will find me as Markos Vidalis. Thank you for reading this! My kindest regards!


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.