Menu Chiudi

I jig (non) sono tutti uguali…

Shore jigging italia jig
Spesso, sia nei vari gruppi o parlando con qualche amico, c’è sempre il pescatore di turno che esordisce convinto che “i jig sono tutti uguali” o “che uno vale l’altro”.
Niente di più sbagliato, vediamo alcune caratteristiche che possono differenziare un jig dall’altro.
Buona lettura! 🙂


Questo credo che sarà il primo di una serie di articoli che andrà a trattare nello specifico alcuni aspetti salienti dei vari casting jig in commercio.
Lasciamo da parte per questa volta la qualità delle grafiche e la resistenza all’usura delle stesse, credo che non ci sia niente di più sbagliato e ridicolo nell’affermare che dire “i jig sono tutti uguali” e “che uno vale l’altro”, parliamoci chiaro, sarebbe un po come dire che un minnow, un popper, e un long jerk sono la stessa identica cosa…
Non sembra insensato e ridicolo anche a voi???

Generalmente siamo portati a differire i casting jig per lo più soltanto in due varianti, long jig e short jig, e aggiungerei una terza, vista le ultime tendenze giapponesi riguardanti gli slow pitch jig utilizzati inshore che pian piano stanno prendendo molto piede anche in territorio Italiano ed Europeo.
Oltre a questi vengono differiti anche in base alla distribuzione della massa sul loro corpo, se ad esempio hanno il peso maggiormente concentrato in testa, in coda, o hanno una disribuzione della massa equa su tutto il corpo.

A parer mio possiamo anche andare oltre questi semplici aspetti ed andare ulteriormente nello specifico per distinguerli, valutando oltre alla forma, e alla distribuzione della massa sul corpo del jig, anche il materiale con cui sono costruiti.
Alcune aziende Nipponiche da un po di tempo a questa parte stanno producendo dei casting jig con corpo bi-materiale.
Prendiamo per esempio un classico jig con la distribuzione della massa maggiormente concentrata in coda, ovviamente a colpo d’occhio si è portati a dire che la maggiore quantità di peso sia in coda valutando l’aspetto e la forma del jig… ma tralasciamo da parte un attimo la forma… e se questo jig in testa possiede una parte del corpo in tugsteno che riequilibra la distribuzione della massa???
Ovviamente un jig così costruito stravolge l’azione del jig in caduta rispetto al movimento che possiedono i classici jig a cui siamo abituati, merito sia della forma, che del modo di distribuire la massa sul corpo del jig.
Ovviamente le varianti costruttive sono molto vaste ed impossibili da descrivere in un solo articolo ed in poche parole.

Alcune aziende, sia ora che in passato hanno prodotto dei casting jig ricoperti di “resina”, alcuni costruiti con uno strato piuttosto sottile, altri invece costruiti con uno strato molto spesso, in modo tale da aumentarne la massa in maniera considerevole.
Anche in questo caso alcune aziende Nipponiche, propongono in commercio lo stesso jig, costruito in due varianti.
La prima variante è un jig classico, come quelli che siamo abituati ad utilizzare, ed una seconda variante che mantiene esattamente lo stesso peso e la stessa forma, ma sfruttando gli strati di “resina” ne viene aumentata notevolmente la dimensione.
A parità di forma e peso, la seconda variante avrà una caduta più lenta e diversa rispetto alla prima variante, perdendo però qualche metro nella distanza di lancio.

Tornando a parlare di tugsteno, è inoltre possibile  trovare in commercio alcuni jig costruiti con questo particolare e costoso materiale.
Piccola parantesi, il piombo ha un peso specifico di 11,34 kg/dm³, e il tugsteno ha un peso specifico di 19,10 kg/dm³, in parole povere il tugsteno pesa più del piombo, ed a parità di peso ha un volume minore.
Quindi, al contrario di quanto avviene nel caso dei casting jig che avranno una caduta più lenta grazie al dimensione aumentata con la resina, utilizzando il tugsteno, in confronto ad un classico jig con la stessa forma, quello costruito in tugsteno avrà una caduta più veloce, e potrebbe essere possibile ottenere qualche metro in più sulla distanza di lancio.

Queste sono solo alcune delle caratteristiche che differenziano un jig dall’altro, piano piano parleremo anche delle altre caratteristiche che un jig rispetto ad un altro.

Siamo ancora sicuri che “i jig sono tutti uguali” ??? 😉


Se ritieni utile questo tutorial e ti piaccciono i contenuti di questo blog effettua una piccola donazione tramite PayPal a favore di “Shore Jigging Italia”.
Potrai utilizzare il widget PayPal con il tasto “Donazione” in alto a destra.
Questo sito internet è una fonte di informazione totalmente gratuita e per mantenerlo attivo comporta un costo annuale.
Il tuo contributo sarà di grande aiuto per il blog, grazie di cuore.


Simone Aprile

Posted in Metal Jig, Shore Jigging Italia, Tutorial

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.