Menu Chiudi

Tutorial: Connessione doppio assist hook-solid ring

FB_IMG_1472803043096L’articolo di oggi riguardante i tutorial, è dedicato al corretto metodo di connessione tra un doppio assist hook ed un solid ring.


Un’errore molto comune, commesso ingenuamente da molti pescatori, sia “esperti” che non, è quello di connettere in maniera errata il doppio assist hook, per capirci quale intendo, quei tipi creati con i metodi illustrati in questo tutorial, e quest’altro tutorial.

Generalmente, l’assist hook singolo viene connesso ad un solid ring tramite un nodo a “bocca di lupo”, metodo ottimo per gli assist hook singoli, ma che non è molto consigliato per gli assist hook doppi, dato che potrebbe fare la differenza tra catturare un pesce o perderlo, o peggio ancora ferrare a “vuoto”.
Infatti, creando una semplice bocca di lupo, si rischia di incappare uno spiacevole problema, ovvero rischiare che l’assist hook possa scorrere sul solid ring.
Quello che sto per descrivervi, generalmente accade per lo più con “alcuni” jigging braid pieni, ed in percentuale minore con “alcuni” jigging braid cavi.
Può infatti capitare che pescando con un doppio assist hook si allami un bel pesce e sulla ferrata il jigging braid va a scorrere sul solid ring, così da ferrare male il pesce e magari perderlo, e ritrovarci l’assist con un amo quasi attaccato al solid ring ed l’altro amo totalmente libero, una volta recuperto il jig.

Per ovviare a questo problema, ci sono due soluzioni, la prima che a parer mio trovo “poco” pratica, ma è questione di preferenze personali.
Consiste, come da foto sotto, nel fare una semplice bocca di lupo, e legare con del trecciato il jigging braid subito dopo la bocca di lupo, e bloccare la legatura con un pochino di colla.
Questo metodo lo trovo poco pratico e dispendioso, dato il costo della colla cianoacrilica, e l’impossibilità durante la sessione di pesca di poter variare le “lunghezze” degli assist hook.

connessione doppio assist hook solid ring shore jigging italiaIl secondo metodo, quello in foto sotto, è quello che preferisco e che utilizzo, viene utilizzato moltissimo da chi pratica vertical jigging, inchiku e slow pitch jigging.
In pratica consiste in una variante della classica bocca di lupo, per farvi capire meglio cosa intendo ho realizzato un breve video che trovate in fondo alla pagina.
Questo metodo, oltre a risparmiare il costo della colla ciano acrilica, vi permetterà di variare le lunghezze del doppio assist anche durante la sessione di pesca.

connessione doppio assist hook solid ring shore jigging italia 1


Se ritieni utile questo tutorial e ti piaccciono i contenuti di questo blog effettua una piccola donazione tramite PayPal a favore di “Shore Jigging Italia”.
Potrai utilizzare il widget PayPal con il tasto “Donazione” in alto a destra.
Questo sito internet è una fonte di informazione totalmente gratuita e per mantenerlo attivo comporta un costo annuale.
Il tuo contributo sarà di grande aiuto per il blog, grazie di cuore.


Simone Aprile

2 Comments

  1. Egidio

    Ciao , ho visto il tuo video per fissare il solid , con quel sistema , peraltro semplice e veloce forse hai un risultato disomogeneo nella lunghezza dei due tronchi degli ami , questo perché prendi soltanto da una parte per fare il secondo giro , c’è un sistema ugualmente rapido che divide esattamente in due i braccioli degli ami, consiste in una rotazione di 180 gradi del solid dopo la prima bocca di lupo e facendo scivolare sul solid entrambe le parti di dyneema in alto facendole scendere verso il basso e chiudendo così la doppia bocca di lupo che blocca gli scivolamenti in caso di catture importanti .
    Egidio

    • Hiramahi

      Ciao Egidio, quello che descrivi te è un’altra ottima alternativa al tutorial che ho fatto io.
      Per certo versi anche un po più semplice, ma solo per abitudine mi trovo molto bene con questo metodo.
      Grazie per il commento, spero quanto prima di inserire anche questo metodo nella sezione dedicata ai tutorial.

      Simone A.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.